top of page

Le mie ricette

Pasta al Finocchio e Curry

Questa ricetta molto semplice è ideale come primo piatto in queste fresche giornate di autunno.

 

Dosi per 4-6 persone

 

 

INGREDIENTI 

2 Finocchi medi

1 Cipolla

300-400 g di Pasta corta

3-4 Cucchiai di Olio Extravergine d'oliva

2 Cucchiaini di Curry

q.b. sale

 

PROCEDIMENTO 

Fai rosolare nell'olio la cipolla tritata e nel frattempo lava e ottieni delle fettine sottilissime dai finocchi.

Aggiungile al soffritto e fai cuocere a fuoco vivace per circa 10 minuti. Spolvera con il curry, chiudi con un coperchio e fai andare per altri 5 minuti.

Intanto lessa in acqua salata la pasta di semola di grano duro, come le penne rigate. Se necessario allunga il condimento di finocchi con un pò di acqua di cottura della pasta. Infine quando è cotta, scola la pasta, tuffala nel condimento e servi.  

FINOCCHIO

E' uno degli ortaggi meno calorici per l'assenza di lipidi e amidi, è ricco di acqua e contiene oli essenziali che lo rendono diuretico e digestivo. Contiene vitamina A e C in discreta quantità, vitamine B8 e B9, cacio, fosforo, potassio, ferro, fibra. E' diuretico, tonico, riduce la flautolenza e la sensazione di gonfiore, stimola la produzione di latte, seda i dolori addominali e mestruali grazie alla presenza di anetolo.

Curry

E' una miscela di spezie ed erbe aromatiche dalla composizione variabile. L'ingrediente principale e sempre presente del curry è la curcuma, una pianta appartenente alla famiglia delle Zingiberaceae, responsabile del colore giallo ocra che poi va a caratterizzare il prodotto finale. La varietà delle spezie che lo compongono fanno del curry un alimento versatile ed utile per migliorare il nostro benessere: uno dei suoi principali componenti, la curcumina, ha proprietà antinfiammatorie ed antiossidanti; sembra ridurre i fastidi legati all’artrite ed ai reumatismi; protegge lo stomaco e migliora la funzionalità intestinale; è un importante regolatore metabolico; contiene numerose vitamine, tra cui quelle del gruppo B, la vitamina A, la vitamina D e molti sali minerali.

P.S. Inoltre è una ricetta adatta anche ai più piccoli, in quel delicato momento di passaggio da un'alimentazione esclusivamente lattea ad alimenti semisolidi e solidi!

Torta d'autunno al cioccolato e arancia

Questo dolce che sto per proporvi l'ho preparato l'altra sera per una cena a casa di amici, è uno dei miei preferiti perché il gusto, il profumo e il colore dell'arancia oltre ad essere autunnali si sposano molto bene con l'amaro del cioccolato!

E' inoltre una ricetta  molto leggera, perché non contiene uova e burro! Particolarmente adatta a chi segue una dieta a basso contenuto proteico o a chi semplicemente vuole essere attento alla linea... senza rinunciare al gusto! 

INGREDIENTI

200 g di Farina 

160 g di Zucchero

50 g di Cioccolato fondente

70 g di Cacao amaro

250 ml di Latte parzialmente scremato

2 Arance

1 Bustina di lievito

q.b. Marmellata amara di arance

PROCEDIMENTO

In una terrina capiente metti insieme lo zucchero con la farina, il cacao e il lievito ben setacciati per evitare la formazione di grumi. Aggiungi il latte poco a poco amalgamando fino ad ottenere una crema molto densa.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Aggiungi ora la buccia grattugiata di una arancia insieme al suo succo e metà succo dell'altra arancia. Quello che resta ti servirà successivamente per guarnire la torta.

Infine unisci il cioccolato fondente grattugiato e amalgama fino ad ottenere una crema densa e omogenea.

Prima di infornare preriscalda a 175° e fodera una teglia (24cm), meglio se a cerniera, con della carta da forno. Trasferisci quindi l'impasto nella teglia e cuoci per circa 25 minuti.

DECORAZIONE

A cottura ultimata spennellare la torta con la marmellata di arance, grattugiare la buccia restante e con l'altra metà dell'arancia tagliare delle fettine a vostro piacimento per decorare la torta!

Patate e Verza

Questo contorno mi riporta indietro nel tempo agli anni dell'università, quando a volte dovevi arrangiarti e inventarti un piatto con quel che il frigo ti offriva, se non volevi uscire a far spesa! Ricordo di averlo preparato in una circostanza del genere e piacque sia a me che ai miei coinquilini che decisi di appuntarmi le dosi!

Vi riporto quindi la mia ricetta di "patate e verza", un piatto caldo e gustoso che ci scalda in queste fredde giornate!

INGREDIENTI

1 verza

3 patate

2 cipolle piccoline

pan grattato q.b.

pepe q.b.

noce moscata q.b.

1 bicchiere colmo di latte

PROCEDIMENTO

Cuoci le patate al vapore dopo averle sbucciate o altrimenti lessale con la buccia. Una volta cotte lasciale raffreddare e ricucile in purea. Taglia la verza a striscioline eliminando la parte centrale più dura e cuoci in un tegame con poca acqua per circa 10 minuti. In una padella fai rosolare la cipolla e unisci il latte e la verza (scolata e asciugata) e le patate, aggiusta di sale, noce moscata e pepe. In una teglia alla base cospargi con del pan grattato e poi versa il tutto, spolvera con pan grattato e cuoci in forno preriscaldato a 180° fino a doratura del pane.

verza

La Verza, chiamata anche “cavolo verza”, è una pianta erbacea che appartiene alla famiglia delle Crucifere e il cui nome scientifico è “Brassica oleracea sabauda”. La verza contiene vitamina A, essenziale per il buon funzionamento della vista e per mantenere sana la pelle, vitamina C, fondamentale per il sistema immunitario, e vitamina K, molto importante per la coagulazione del sangue. Inoltre, la verza è ricca di sali minerali come il potassio, il ferro, il fosforo, il calcio e lo zolfo (al quale si deve il suo caratteristico odore durante la cottura), elementi indispensabili per la costituzione di cellule e tessuti e per l’idratazione cutanea.
.

Patata

Le patate sono molto ricche di fibre, potassio e proteine. Se consumate cotte al vapore o bollite hanno un apporto calorico molto limitato e sono particolarmente indicate in caso di gastriti o coliti!

Heading 2

bottom of page